Comunicati stampa

Sanità, Pd: con integrazione Piombino-Cecina rafforzato il nostro ospedale. Ora emodinamica a Piombino

17 ago , 2017  

villamarina

Questo il documento riassuntivo a seguito della riunione della Direzione della Federazione Pd Val di Cornia-Elba alla presenza dell’assessore regionale alla salute Stefania Saccardi.

 

Da tempo stiamo attentamente seguendo come sta andando avanti la realizzazione della sinergia dei due ospedali Val di Cornia – Bassa Va di Cecina non perdendo di vista che tale integrazione può consentire di fare delle scelte che permettono ai territori suddetti di avere un servizio ospedaliero che risponda alle loro necessità.

La scelta che abbiamo fatto, recepita nella riforma sanitaria approvata dalla Regione Toscana, ha messo in sicurezza l’ospedale di Piombino, che se fosse rimasto da solo, per effetto dei criteri numerici nazionali, avrebbe rischiato in tempi brevi un consistente ridimensionamento a poco più di un pronto soccorso. In virtù di questa scelta possiamo oggi meglio difendere i servizi attualmente erogati e ambire a servizi nuovi, oltreché attingere a nuove risorse messe a disposizione dalla Regione stessa per i territori che avviano processi di integrazione .

 

Naturalmente i problemi non sono tutti risolti e il lavoro deve proseguire. La Val di Cornia sta attraversando un momento difficilissimo dal punto di vista economico e sociale. La grave crisi che sta vivendo la siderurgia investe tutte le imprese dell’indotto, il commercio e il territorio stenta a trovare alternative di lavoro. Ciò inevitabilmente conduce anche ad un aumento del disagio sociale che investe intere famiglie. Le preoccupazioni economiche inducono anche ad un minore interesse per seguire il proprio stato di salute al punto che tante persone trascurano le cure. Anche per questo la solidità e l’affidabilità dei servizi offerti dalle struttura ospedaliera possono giocare un ruolo fondamentale.

 

Ad oggi la situazione e’ la seguente:

Saranno fatti due primariati in chirurgia, uno a Cecina e uno a Piombino. Ci risulta che a

Piombino il reparto abbia un andamento positivo per numero e qualità di interventi.

E’ stata realizzata la BREAST UNIT a Livorno che ci risulta lavori in sintonia con Piombino dove e’ tutt’ora attivo l’ambulatorio di senologia. A Villa Marina e’ stato potenziato il servizio di diagnostica radiologica proprio per la diagnosi delle patologie mammarie. Il chirurgo direttore della BREAST UNIT ha eseguito interventi su pazienti recandosi direttamente all’ospedale elbano. Questo ad oggi purtroppo e’ accaduto solo una volta, dobbiamo invece lavorare per rafforzare il principio della mobilità degli specialisti per ridurre quella dei pazienti.

Per quanto riguarda il reparto di medicina, occorre tenere presente che tra circa un anno andrà in pensione il primario per cui e’ necessario attivare per tempo il concorso in modo da non creare dei vuoti nella gestione di un reparto molto complesso dal momento che offre anche ambulatori di diabetologia, ecocolordoppler vascolari, pneumologia e reumatologia. Per quanto riguarda le specialistiche (otorino, oculistica e urologia), la progressiva riorganizzazione delle unità operative nell’area vasta ha rivisto la dislocazione delle unità operative complesse, ma questo non può implicare un impoverimento dei servizi assicurati negli ospedali della provincia.

Chiediamo che proprio in virtù dell’integrazione con Cecina si prenda seriamente in considerazione la possibilità di organizzare le prestazioni in modo da poter offrire nel territorio non solo ambulatori, ma una maggiore attività chirurgica di bassa e media complessità nelle suddette specialistiche al fine di evitare una impropria mobilità dei pazienti.

L’ortopedia è attualmente mancante di primario, in quanto il professionista ha scelto di trasferirsi in altra struttura. Occorre, alla scadenza dei sei mesi di prova previsti dalle norme, fare il concorso per la unità operativa complessa.

Nella diagnostica abbiamo positivamente preso atto del lavoro avviato dall’assessorato per la riduzione delle liste di attesa, così come delle procedure concorsuali attivate per l’assunzione di nuovi medici radiologi e per la nomina di un nuovo primario su Piombino.

In UTIC consideriamo opportuno ripristinare la possibilità di impiantologia di pace maker.

Attualmente vengono impiantati a Cecina e Livorno, mentre a Piombino vengono gli specialisti da Livorno due volte al mese solo per controllo pace maker.

Riteniamo importante che si approfondiscano le condizioni per la fattibilità presso il plesso di Piombino del servizio di emodinamica, data la posizione equidistante della città dai centri attrezzati di Livorno e Grosseto.

Emodinamica risulterebbe fondamentale per il trattamento dell’infarto miocardico acuto. Esistono tempi da rispettare (la cosiddetta “ora d’oro”) per il paziente colpito da

tale patologia che dovrebbe essere sottoposto a coronarografia ed angioplastica primaria. Con questa struttura, che richiede personale dedicato e dunque un notevole investimento, questi tempi potrebbero essere rispettati.

Sicuramente alcune delle attuali criticità per il pronto soccorso potrebbero essere superate con una nuova e più adeguata ubicazione, oltre che con una dotazione adeguata di personale che integri quello esistente.

Per quanto concerne il punto nascita, sosteniamo con forza la richiesta di deroga della Regione inoltrata al Ministero, nella consapevolezza della distanza del numero dei parti (oggi sotto i 300) dalla soglia minima (500) prevista dalle norme per assicurare gli standard di sicurezza. Facciamo rilevare una volta di più che il nostro reparto di maternità ha costantemente assicurato livelli di qualità alti e altrettanto alti livelli di professionalità.

Per quanto riguarda le attività territoriali e ospedaliere chiediamo un’attenzione particolare al servizio di psichiatria attraverso la realizzazione tempestiva dell’SPDC, con servizi e responsabilità dedicati. Per seguire poi le migliaia di persone che hanno patologie croniche ci vogliono le case della Salute organizzate con medici di medicina generale e specialisti che seguano i pazienti e facciano prevenzione cura. Questo contribuirebbe anche a diminuirebbe le liste d’attesa. Migliorerebbe il servizio e dovrebbe poter diminuire la possibilità che magari una lieve malattia possa diventare più grave se non seguita nel modo giusto. Quindi la realizzazione delle case della salute in Val di Cornia è una priorità ribadita e condivisa.

 

Il lavoro da fare sarà ingente ed impegnativo e sarà necessario mettere in campo capacità organizzative di grande qualità. Le cittadine ed i cittadini delle due zone di riferimento ne hanno il diritto. La politica ha l’obbligo di non perdere mai di vista l’interesse dei cittadini e noi vogliamo farci carico di questo impegno, senza fuggire in facili e velleitarie demagogie.

, , , , , , ,

Comunicati stampa

Lutto nel partito

16 giu , 2017  

sindaci_cinquantenario_grande

Il PD Val di Cornia Elba e il circolo PD San Vincenzo si uniscono con commozione al dolore per la scomparsa di Carlo Alberto Roventini, ex sindaco di San Vincenzo, impegnato da sempre nel partito di cui è stato anche dirigente a vari livelli e attualmente segretario SPI e membro della commissione di garanzia della federazione Val di Cornia-Elba del Partito democratico, attivo nel mondo del volontariato e dell’associazionismo.
Tanti i membri del partito che in queste ore esprimono un sentito cordoglio e vicinanza alla famiglia.
Il Segretario Pd Val di Cornia Elba, Valerio Fabiani
: “Con te abbiamo riso, ci siamo commossi, abbiamo lavorato per il partito, per il nostro territorio e la tua San Vincenzo. C’hai fatto riflettere e discutere e ascoltandoti abbiamo imparato sempre qualcosa di nuovo. Ci mancherai Carlo, ci mancherà l’uomo delle istituzioni, l’uomo di partito, il figlio orgoglioso della sua terra, e soprattutto l’amico e il compagno”.

Comunicati stampa

APPELLO PER SOSTENERE L’ACCORDO SUL CLIMA

5 giu , 2017  

6giu

 

L’accordo sul clima è stata una delle più grandi conquiste di questi ultimi anni. L’intesa, raggiunta da 195 Paesi alla Conferenza del Clima di Parigi (Cop21) del 2015 e poi ratificata durante l’anno successivo, è un accordo internazionale che spinge i Paesi sottoscrittori a un impegno collettivo per salvaguardare il clima mondiale. Limitare l’aumento della temperatura globale ben al di sotto dei 2 gradi centigradi riducendo le emissioni è l’obiettivo dell’accordo, entrato formalmente in vigore in Europa il 4 novembre 2016.

Il significato di quell’accordo, fortemente voluto dall’Unione Europea, non è solo per noi ma è per i nostri figli.

Oggi, dopo la decisione di Trump di ritirare gli Stati Uniti da questo straordinario impegno -quando fu proprio la precedente amministrazione Obama a promuoverlo- dobbiamo fare di più.

Non possiamo lasciare solo ai Governi la responsabilità di lavorare per gli accordi di Parigi.

Ma vogliamo coinvolgere più persone possibili, i cittadini, le forze economiche, sociali, del mondo della cultura, di tutto l’associazionismo, che consapevoli della drammatica situazione del Pianeta, vogliono fare proprio un chiaro impegno: IL FUTURO NOI LO DIFENDIAMO.

Per questo vi invitiamo martedì 6 giugno a scendere nelle piazze delle nostre città per ribadire con una fiaccolata che: il futuro ci riguarda, il futuro ci appartiene.

 

Comunicati stampa

IL FUTURO IN COMUNE

5 giu , 2017  

fotodirezione

Il PD Val di Cornia Elba e l’Amministrazione comunale di Piombino si incontreranno a un tavolo di lavoro che avrà lo scopo di tirare le somme di ciò che è stato fatto fino ad adesso e di quello che ancora è necessario fare.

 

Dopo il congresso nazionale, la volontà del Partito è quella di ripartire dal territorio, dai problemi, dalla crisi ma anche dalle ambizioni della comunità: “Tutto intorno a noi è in movimento e noi non possiamo stare fermi, non lo siamo mai stati in questi anni e non lo saremo per quelli che verranno. Insieme alle amministrazioni che governiamo e con i nostri consiglieri di opposizione laddove il centro sinistra non governa vogliamo aprire una stagione di verifica del lavoro svolto e di progettualità per il futuro”.

Il primo step saranno i tavoli di lavoro, protagonista il gruppo dirigente diffuso del partito, durante i quali verrà tracciato un bilancio di metà mandato e individuate alcune grandi priorità realizzabili entro fine legislatura.

La seconda fase, orientata al futuro e alla definizione di un nuovo progetto di governo, sarà incentrata sulle “primarie delle idee”: un grande percorso di partecipazione rivolto a tutti.

 

Il Sindaco di Piombino Massimo Giuliani: “Per la complessità delle questioni che coinvolgono il territorio della Val di Cornia e in virtù dei cambiamenti che dobbiamo gestire, credo sia necessario, come pratica virtuosa di buona amministrazione, fare il punto della situazione. Questo ci permetterà di essere ancora più consapevoli degli obiettivi da raggiungere insieme e del lavoro da svolgere con questa amministrazione per i prossimi due anni”.

, , , ,

Comunicati stampa

GLI ELETTI ALL’ASSEMBLEA NAZIONALE

5 mag , 2017  

lista

Terminato il percorso che ha condotto alle primarie del 30 Aprile scorso, il PD si prepara all’Assemblea nazionale di domenica 7 Maggio che proclamerà Matteo Renzi segretario. L’Assemblea Nazionale ufficialmente darà il via al mandato 2017-2021 della nuova segreteria che in quell’occasione illustrerà le proposte di lavoro ai presenti.

Nelle scorse primarie il nostro territorio è stato chiamato anche a votare per i candidati di lista all’Assemblea Nazionale PD, gli eletti, espressione del territorio della Val di Cornia e dell’Isola d’Elba sono: per la mozione Orlando Valerio Fabiani, Segretario della Federazione Pd Val di Cornia Elba; per la mozione Renzi, entrambi membri della direzione di federazione, Valerio Pietrini, consigliere comunale a Piombino e Antonella Giuzio, consigliera comunale a Portoferraio. L’Onorevole Silvia Velo, invece, entra in Assemblea Nazionale, in rappresentanza della mozione Orlando, nella quota a disposizione del gruppo parlamentare

Fabiani: “Cercherò di portare nell’assemblea nazionale non solo il punto di vista di chi ha condotto in questo congresso una battaglia per cambiare ma anche quello di un territorio con i suoi problemi e le sue ambizioni. La mia battaglia per un altro Pd e per Piombino proseguirà nel partito, intanto chiedendo che vi sia un luogo dove dirigenti e amministratori locali del Pd insieme ai nostri parlamentari e membri del governo, sindacati e associazioni di categoria, possano discutere delle aree di crisi del Paese, mettendo insieme esperienze diverse e buone pratiche ma soprattutto dotando il Pd di una strategia comune e di una visione che in questi anni è mancata. In questi anni non abbiamo fatto nemmeno mezza riunione di livello nazionale su queste cose, e questo è decisamente un atteggiamento da cambiare, per il bene del Pd, dei territori interessati e dell’Italia”

Pietrini definisce la fase appena conclusa “interessante, partecipata e combattuta” ed esprime la volontà di voler mettere al servizio della comunità tutta questa energia scaturita, viste anche tutte le problematiche che ancora ci circondano. “L’Assemblea Nazionale è una grande opportunità e un riconoscimento importante che mi carica di responsabilità; cercherò di non deludere chi ha creduto in me come gruppo e, soprattutto, tutti quegli elettori ed elettrici che si sono recati alle urne. Le sfide sono tante, penso al momento di tensione che le industrie e tutto l’indotto, diretto e indiretto, della Val di Cornia, stanno attraversando; dobbiamo essere consapevoli che solo con l’unità, vera, e con l’assunzione delle proprie responsabilità si potranno raggiungere traguardi importanti”.

Infine Giuzio si dice molto contenta di rappresentare il territorio. L’affluenza a Portoferraio è stata più che soddisfacente e la risposta numerica sul territorio dell’Isola d’Elba molto positiva. Le primarie secondo la Giuzio sono infatti uno strumento utilissimo di partecipazione popolare: “il Pd è l’unico partito che lo usa e che riesce a muovere questi numeri”.

, , ,

Comunicati stampa

E’ INIZIATO IL PERCORSO VERSO LE PRIMARIE

3 mar , 2017  

PRIMARIEPd Val di Cornia Elba : Direzione di Federazione e inizio del percorso verso le primarie di Aprile 2017

Si è riunita ieri, giovedì 2 Marzo alle ore 18,00, la direzione di federazione per discutere l’avvio dell’iter congressuale che si concluderà con le primarie aperte del 30 aprile 2017.

E’ stata approvata all’unanimità la commissione per il congresso, proposta dal segretario Valerio Fabiani: ne fanno parte Fabrizia Ranieri, Elena Fossi, Roberto Scaffai, Stefano Eleonora Fusi, Lorenzo Lambardi, e Ovidio Dell’Omodarme.

 

Fabiani si dice soddisfatto del primo passo fatto ieri in direzione di federazione: “il voto unanime è l’ennesimo segno di un partito coeso, che non verrà compromesso dalle differenze interne; una coesione che, sono sicuro, vedremo nel prossimo congresso del nostro territorio”

Il segretario PD Val di Cornia si era espresso precedentemente a favore di un confronto politico che anticipasse il congresso, per evitare che quest’ultimo risultasse una mera conta tra correnti; una discussione interna che, per Fabiani, avrebbe buttato le basi per nuovi sviluppi programmatici condivisi.

Dal momento però che così non è stato e che si è intrapreso il percorso congressuale che terminerà con l’elezione del segretario del partito democratico e dell’assemblea nazionale a fine Aprile, Fabiani, augura al partito un buono e proficuo lavoro.

 

, , , ,

Comunicati stampa

ASSEMBLEE CIRCOLI PD : APPROFONDIMENTO E CONFRONTO

22 feb , 2017  

bandiera

Dopo l’Assemblea nazionale di Domenica 19 Febbraio, durante la quale il segretario nazionale, Matteo Renzi, ha ufficializzato le sue dimissioni, dopo che si è quindi aperto il percorso per il rinnovo dei vertici nazionali del PD e, infine, dopo che sono state prese determinate posizioni prima e dopo l’appuntamento di Domenica scorsa, crediamo sia necessario intraprendere una fase di profonda riflessione, approfondimento e confronto, da sviluppare insieme ai nostri iscritti.
Il momento per il nostro partito è delicato, ma allo stesso tempo pensiamo che il PD sia composto di sensibilità umane che contribuiscono a renderlo grande, aperto e plurale.
Insieme, come comunità, dobbiamo incontrarci e confrontarci nei nostri circoli, per gestire, come conosciamo, uniti, l’attuale situazione.
Il programma delle Assemblee dei Circoli sarà il seguente:
Mercoledì 22 Febbraio ore 21,00 Venturina.
Giovedì 23 Febbraio ore 18,00 Cafaggio; ore 21,00 Berlinguer Piombino.
Venerdì 24 Febbraio Ore 17,00 Cotone-Campagna Piombino e Fabbrica; ore 21,00 Partito Democratico Campiglia Marittima
Sabato 25 Febbraio ore 17,00 Partito Democratico San Vincenzo.
Lunedì 27 Febbraio ore 18,00 Elba.
Martedì 28 Febbraio ore 21,00 Pd Riotorto.
Mercoledì 1 Marzo ore 21,00 Partito Democratico Suvereto.
Alle assemblee sarà presente il Segretario Valerio Fabiani.

, , , , ,

Comunicati stampa

“PROGETTO RIOTORTO”, RIQUALIFICAZIONE E TURISMO

18 feb , 2017  

riotorto2

Pd Val di cornia elba : “Progetto Riotorto”, proposte di riqualificazione di aree periferiche e turismo.

 

Giovedì 16 Febbraio a Riotorto si è svolto il primo incontro, organizzato dal Circolo PD A. Moro, che ha segnato l’inizio di una campagna di ascolto del territorio e in particolare degli abitanti del paese.

Alla presenza di Valerio Fabiani con il coordinamento di Marco Pellegrini, si è discusso del “Progetto Riotorto” e più ampiamente di riqualificazione di aree periferiche e di nuove prospettive di lavoro in ambito turistico.

 

Il progetto di riqualificazione di Riotorto è stato quindi al centro del dibattito che ha visto la partecipazione di associazioni e cittadini: si è parlato di destagionalizzazione del turismo; di piste ciclabili che collegherebbero la Pinetina, luogo dove principalmente si svolgono le feste e le sagre, al paese; di necessità di cartine turistiche che indichino mete e percorsi; di allestire un punto informativo proprio all’interno della Pinetina; di turismo sportivo legato al Parco di Montioni e al Promontorio di Populonia, e caratterizzato da una sentieristica segnalata in modo adeguato.

E’ infine emersa la necessità di “fare sistema” tra amministrazione ed esercenti privati.

 

Rinaldi, Segretario del Circolo, si dice “contento di come è partita questa campagna di ascolto del territorio. Abbiamo raccolto le idee e le proposte emerse durante la serata. Il proposito è quello di vagliarle per poi stilare un documento da presentare all’amministrazione comunale e costruire insieme il futuro del paese”.

 

Fabiani ha proposto all’assemblea di inserire il progetto Riotorto all’interno di un progetto più ampio di riqualificazione di tutte le periferie del Comune di Piombino: Cotone, Gagno e aree confinanti con l’industria; Populonia, Baratti; Golfo di Follonica, zona rurale e Riotorto. E proprio su quest’ultimo dice: “Avrà un ruolo e una posizione centrale in un ambito territoriale più vasto, che con la Regione abbiamo già ridisegnato: Val di Cecina, Val di Cornia e Colline metallifere collaboreranno insieme per sviluppare proposte comuni”.

Il Segretario Pd Federazione val di cornia elba ha infine parlato delle “varianti” Aferpi e Tor del Sale, che vede come “opportunità per rileggere tutto il territorio”. E’ soprattutto la variante che verrà varata per il superamento della centrale di Tor del Sale, che Fabiani vede come occasione per sviluppare la vocazione turistica del territorio, turismo che è “promozione ma anche e soprattutto accoglienza”.

, ,

Comunicati stampa

SOLIDARIETA’ E SOSTEGNO AI LAVORATORI DI PIOMBINO LOGISTICS

11 feb , 2017  

porto

La manifestazione di protesta dei lavoratori di Piombino Logistics che si terrà sotto la direzione Aferpi Lunedì 13 Febbraio, raccoglie la piena adesione del partito democratico Val di Cornia-Elba.

Questa presa di posizione avviene attraverso le parole rilasciate dal Segretario Valerio Fabiani: “Chiediamo all’azienda di ascoltare la denuncia dei lavoratori che è anche la nostra” riferendosi al ritardo intollerabile nella presentazione del piano industriale. “L’assenza del piano rischia, innanzitutto, di far precipitare i lavoratori di Piombino Logistics in una situazione di assoluta incertezza, mi riferisco al mancato rilascio delle concessioni da parte dell’Autorità Portuale. In secondo luogo- continua Fabiani- le infrastrutture portuali sono un bene pubblico che non può essere messo a disposizione senza la garanzia che il progetto industriale e logistico, con cui Cevital si è aggiudicata la proprietà dell’ex Lucchini, si concretizzi effettivamente”.

Il PD chiede infine che sia valutata la possibilità di una proroga delle concessioni, adeguata sia alla presentazione del piano industriale che alle conseguenti e necessarie verifiche da parte delle istituzioni.

Alla protesta di Lunedì sarà presente anche il Circolo PD delle fabbriche, che condivide la preoccupazione dei lavoratori espressa dalle RSU che li rappresentano. “Saremo presenti come lavoratori e come Circolo delle fabbriche del Pd” dice Valerio Pietrini Segretario del Circolo. “Rebrab deve, celermente, presentare il piano industriale e finanziario completo così da ottenere concessioni definitive, nel frattempo, però, dobbiamo trovare soluzioni di continuità produttiva per tutto lo stabilimento”. Pietrini conclude, poi, invitando i lavoratori e la cittadinanza a partecipare: “Abbiamo iniziato questo percorso tutti insieme e tutti insieme lo porteremo avanti”.

, , , , ,

Comunicati stampa

FABIANI SU SITUAZIONE AFERPI E NUOVE PROSPETTIVE

10 feb , 2017  

10380276_10201894899829550_542465415013474857_nL’incontro al Mise non è certamente stato risolutivo e continua a gravare su tutta la vicenda il peso dei ritardi di cui Rebrab è responsabile. In realtà gli unici spiragli che si sono aperti sono soprattutto il frutto della pressione che sono riusciti a imprimere da un lato il governo incalzando l’azienda e dall’altro i lavoratori e il territorio attraverso la mobilitazione, spingendo Aferpi a imboccare una strada da cui adesso non può tornare indietro.

Non mi riferisco tanto ai 20 milioni, che metterebbero almeno temporaneamente in sicurezza il circolante e che andrebbero rapidamente stanziati, quanto al fatto che adesso, essendo stato lo stesso Rebrab a fissare una deadline indicando nel 15 marzo il termine entro cui dovrebbe essere finalmente presentato il piano, il patron di Cevital non può più scappare di fronte alle proprie responsabilità. Il re è nudo: se entro il 15 marzo non succedesse niente, non potranno essere accampate scuse e non resterà altro da fare che rimettere tutto in mano al Governo che potrà e dovrà assumere un’iniziativa con o senza Cevital per costruire una nuova prospettiva.

Alcuni di noi sono stati tacciati di voler «abbandonare la nave» ma la verità è che solo assumendo tutti una posizione netta nei confronti della proprietà era possibile inchiodarla alle responsabilità. Naturalmente entro il 15 marzo le nuove possibili opzioni alternative dovranno essere preparate per evitare il vuoto che si determinerebbe in mancanza del piano promesso da Rebrab.

Adesso giustamente ci concentriamo sulle opzioni che assicurino una prospettiva allo stabilimento siderurgico: penso che la prima opzione da esplorare dovrebbe essere quella di ricercare un equilibrio virtuoso con Ilva per dar vita a un coerente progetto nazionale in uno dei settori strategici dell’industria di base pur nella consapevolezza della complessità di questo tipo di percorso.

Ma allo stesso tempo dovremmo concentrarci sulle nuove possibili filiere produttive diverse dalla siderurgia, sia quelle previste nel progetto Cevital, la logistica e le attività previste nelle aree attualmente dedicate a agroindustriale e commercio, sia quelle che per iniziativa di altre imprese e attraverso la programmazione locale possono essere messe in cantiere. Per questo occorre spingere sulla revisione degli strumenti urbanistici in coerenza con il nuovo modello di sviluppo sostenibile che vogliamo realizzare.

Riteniamo opportuno fare in modo che “varianti” come quella che saremo chiamati a varare per il superamento della centrale di Tor del Sale siano l’occasione per una rilettura complessiva di aree strategiche del territorio spingendo sulla vocazione turistica. Dobbiamo necessariamente continuare a lavorare per rendere attrattive tutte le aree disponibili per l’insediamento di nuove attività produttive. La priorità è il lavoro, per questo proponiamo che anche risorse come quelle arrivate grazie alla causa vinta dai Comuni con Enel siano destinate a sostenere scelte in grado di rendere sempre più bello e fruibile il territorio che promuoviamo.

Su turismo e agricoltura penso che i Comuni debbano lavorare insieme nella direzione che indicammo fra i nostri obiettivi alle ultime regionali, definendo un apposito accordo di programma quadro insieme alla Regione con risorse e strumenti nuovi a disposizione di imprese e istituzioni all’interno del nuovo ambito territoriale più vasto della sola Val di Cornia.

Bene la riunione della cabina di regia per l’attuazione degli accordi di programma, bene la partenza dei bandi per le bonifiche di parte pubblica. Qui e ora ci giochiamo una partita che non ammette spettatori sugli spalti, noi vogliamo e dobbiamo giocarcela fino in fondo, come protagonisti del nostro destino.

, , , , ,