Comunicati stampa

“La vera sfida è innovare senza smarrirsi”

28 dic , 2015  

10599174_813986528671082_3443157451726111734_n

(Intervento pubblicato da Il Tirreno il 24 dicembre 2015)

Il 2015 si è aperto nel nostro territorio con grandi speranze legate all’arrivo di Cevital, e si conclude con nuove speranze che gli importanti risultati di questi giorni hanno riacceso: sulle infrastrutture, sull’energia, sull’erogazione delle risorse per i contratti di solidarietà, sul lavoro che Aferpi pare aver posto su binari di maggiore nitidezza. Nel mezzo si sono frapposti mesi difficili, compressi fra la consapevolezza responsabile della necessità di favorire gli investimenti del gruppo algerino e il bisogno di fatti nuovi in grado di ridare ossigeno alle famiglie e alle imprese stremate da una lunga crisi. Non sono mancati e non mancano ostacoli e ritardi, qualche volta di difficile lettura; e tuttavia chi governa o ha ambizioni di governo non può fuggire dal misurarsi con la complessità. Noi, e con noi il mosaico evoluto delle forze sociali ed economiche di questa comunità, quell’ambizione e quella vocazione al governo non l’abbiamo mai smarrita. Avvertiamo, e lo abbiamo dimostrato nel tempo, tutto il peso di immaginare un orizzonte nuovo che non parli di sola industria, senza il bisogno retorico di apparire avanguardisti o di solleticare frustrazioni. Compiamo le scelte nei fatti, assumendoci le nostre responsabilità. I nostri lavoratori, le nostre imprese, i nostri giovani trovano in noi un alleato affidabile. Lo trovano nelle piazze e nelle strade, così come ai tavoli istituzionali o nelle assemblee elettive laddove maturano le decisioni. Non è così per le altre forze politiche e movimenti, che amano strepitare nelle piazze e nelle rotative, ironizzare o insultare sulla rete ma si contraddicono puntualmente alla prova degli atti, votando contro i provvedimenti decisivi per il territorio. È accaduto all’inizio di questa lunga battaglia quando il cosiddetto “Decreto Piombino” passò in Parlamento con i soli voti del Pd; è accaduto ripetutamente nel consiglio comunale di Piombino nei passaggi cruciali; è accaduto pochi giorni fa in consiglio regionale quando con i soli voti del nostro partito è stato approvato il collegato alla legge di stabilità che ha stanziato altri 60 milioni – in aggiunta agli oltre 100 investiti in precedenza – per il completamento del nostro porto. Non c’è spazio in questa partita per le degenerazioni becere e gli opportunismi di parte: le istituzioni che governiamo arriveranno in fondo a questa vicenda avendo fatto tutto quello che compete loro e avendo messo nelle condizioni di investire tutte le imprese serie che intenderanno farlo rispettando il territorio. Ogni volta che ci saranno ritardi o avvertiremo distrazioni saremo noi i primi a denunciarlo, come abbiamo fatto fin qui. Infine, giudicheranno i cittadini. Le ragioni del nostro stare in campo non riposano nel pur vivo orgoglio di una appartenenza; non nella storia del civismo glorioso che sta alle nostre spalle; non nello stantio sopravvivere su rendite di posizione. Esse si collocano nella storia che dobbiamo ancora scrivere, e che noi abbiamo il coraggio di indicare. Innovare senza smarrirsi, tornare a crescere e dare lavoro: è questa la sfida. Ed è precisamente su questo terreno che si vedrà, una volta di più e con ancor maggiore nettezza, chi lavora per consegnare a questo territorio il destino che merita.

Gianni Anselmi (consigliere regionale Pd)

Valerio Fabiani (segretario federazione Pd)

, , , , , , , ,

Comunicati stampa

Pietrini: “No informazioni errate sulle concessioni porto”

22 dic , 2015  

porto

Usare la parola concessioni così genericamente lascia abbastanza perplessi e in più crea confusione in una cittadinanza già provata da una situazione molto difficile. Basti pensare che il pacchetto dei vecchi impianti marittimi (pontile, area banchina) è in via provvisoria già passato a Cevital/Aferpi da marzo 2015 e verrà assegnato soltanto in base alla presentazione di un piano industriale aggiornato e di un cronoprogramma conseguente al piano di impresa, visto che è stato effettuato il passaggio diretto dalla lucchini, mentre la zona darsena e i carbonili sono in via di restituzione ad AP – dato che sono aree di interesse pubblico e destinate alla diversificazione dei traffici portuali. Poi ci sono altre concessioni riguardanti aree su cui ancora non ci sono stati investimenti e di cui ancora non si conoscono le destinazioni.
C’è quindi da capire di quali concessioni si sta parlando:
– Le concessioni per gli impianti di IMA (impianti marittimi ex-lucchini) sono già state acquisite da Cevital al momento del passaggio
– le concessioni che verranno poi rilasciate alla termine della realizzazione delle infrastrutture da edificare ex novo in regime di Project Financing da parte di Cevital, con investimenti nell’ordine di parecchie decine di milioni di € ed almeno due anni e mezzo di lavoro. Strutture che a oggi, ripetiamo, non esistono. Queste concessioni cinquantennali saranno frutto di investimenti.
-Cevital, a oggi, su queste aree ha solamente un’opzione di massima, tanto che esse sono ancora “sul mercato”.

Tutti questi complessi passaggi tecnici e amministrativi vengono seguiti dalla AP nella quale riponiamo grande fiducia, anche alla luce dello straordinario lavoro svolto fino a oggi nel potenziamento e sviluppo del nostro porto.

Crediamo che sarebbe invece più opportuno focalizzare le nostre e vostre forze su punti che ci trovano tutti d’accordo, tipo l’infrastrutturazione e la viabilità e usare tutti i mezzi a nostra disposizione, specialmente quelli politici, per fare la voce grossa dove è necessario farla, così da aiutare operai, aziende e cittadini affinché finalmente si possa avere un territorio in grado di affrontare tutte le sfide che si presenteranno da oggi in poi.

In virtù a un lavoro di squadra che abbiamo fatto come Pd, siamo a ringraziare per il mantenimento dell’impegno che lo stesso Enrico Rossi si era assunto con i lavoratori di Piombino per il pagamento della quota percentuale in più sul contratto di solidarietà.
Ci teniamo a ringraziare anche il nostro consigliere Gianni Anselmi e Gianfranco Simoncini – dello staff di Rossi – che ha seguito la vicenda.

Valerio Pietrini
Consigliere comunale Pd

, , , , ,

Comunicati stampa

Replica alle offese assemblea pubblica Suvereto

22 dic , 2015  

CINZIA

Indecoroso il clima che regnava la sera di venerdì 18 all’assemblea pubblica indetta dal sindaco del comune di Suvereto sulla sanità.
Un’assemblea che non aveva niente di istituzionale ma che, grazie anche alle provocazioni del sindaco e di alcuni presenti nei confronti del PD, ha fatto presto a trasformarsi in una bagarre tra il pubblico presente che continuamente veniva incitato contro il Partito Democratico.
E’ stato uno spettacolo veramente sgradevole, tant’è che alcuni degli esponenti del Pd presenti, dopo l’intervento del vicesegretario di Federazione, che è stato pesantemente e volgarmente offeso, sono usciti dall’assemblea per protesta.
Eppure, non più tardi di 10 giorni fa, il Pd di Suvereto aveva indetto un’assemblea pubblica per discutere di sanità e il sindaco di Suvereto era presente ed è stato ascoltato in maniera civile e democratica, pur avendo egli sulla sanità posizioni molto diverse da quelle del Partito Democratico.
Riteniamo che questo modus operandi non possa che danneggiare il dialogo e il dibattito su una materia come la sanità, così delicata ed importante per noi cittadini.
I rappresentanti del Pd presenti in assemblea hanno ascoltato attentamente l’intervento fatto dal dr. Palombi, peraltro obiettivo e pacato, nonché l’intervento del dr. Ricci presidente del comitato referendario per l’abrogazione della L.28/2015.
Ci dispiace dover constatare che, purtroppo, da parte del sindaco sia statano strumentalizzati e non approfonditi una discussione e un dibattito che, al contrario, dovevano servire a far comprendere al pubblico presente quali sono le reali difficoltà in cui versa la sanità toscana e, quali, seppure su posizioni diverse, le soluzioni che le istituzioni locali e regionali propongono.
Ci teniamo a ribadire che la legge di riforma sanitaria regionale è una legge che la Regione Toscana ha approvato in virtù del principio dell’universalità nell’erogazione delle prestazioni socio sanitarie.
Tale universalità può coniugarsi alla qualità delle prestazioni, solo attraverso la sua sostenibilità economica e interrogandoci su come migliorare l’efficienza e l’efficacia dei servizi che vengono erogati.
Condanniamo, pertanto, fermamente l’accaduto ed esprimiamo la nostra solidarietà al vicesegretario della Federazione.
Del resto l’episodio ci dà conferma del fatto che l’unica proposta di riorganizzazione del servizio sanitario del territorio è quella avanzata dal Pd e dalle amministrazioni che governiamo: proposta alla quale l’unica replica risulta di fatto quella costituita da insulti e demagogia.
Cinzia Cioncoloni
Resp. Sanità segreteria Federazione Pd Val di Cornia Elba

, , , , ,

Comunicati stampa

Rinviato l’incontro conclusivo di #adessoilfuturo

17 dic , 2015  

matteo-orfini-4

L’incontro conclusivo del percorso partecipativo #adessoilfuturo è rimandato a data a destinarsi.

«L’impossibilità a presenziare da parte di Matteo Orfini, di Silvia Velo e di Dario Parrini, trattenuti a Roma dal voto sulla legge di stabilità e sulla Boschi – spiega la segreteria – non ci permette di condurre questo appuntamento così come lo avevamo organizzato: di conseguenza, anche per una forma di correttezza nei confronti dei nostri iscritti e dei cittadini, abbiamo ritenuto più opportuno rimandare l’incontro a una nuova data che renderà possibile la partecipazione di tutti e tre i parlamentari».

La votazione della Camera sulla legge di stabilità 2016 è prevista in realtà già per il pomeriggio di giovedì 17, ma con l’indicazione – già fissata – di proseguire a venerdì 18 dicembre, dalle 15 in poi, dopo il voto sulla mozione di sfiducia nei confronti del ministro Maria Elena Boschi presentata dalle opposizioni: un iter che rende assolutamente plausibile, se non addirittura scontata, l’eventualità che le operazioni si protraggano fino a sabato (e forse anche alla domenica), impedendo così ogni movimento da parte dei tre parlamentari attesi a Piombino all’hotel Phalesia nella mattinata.

Le conclusioni emerse dalle riunioni dei tavoli saranno comunque presentate al pubblico e ai giornalisti per mezzo di una conferenza stampa, che si terrà ugualmente sabato mattina, alle ore 11 , nei locali di via Marco Polo 12, alla presenza del segretario, della segreteria e dei sindaci.

Ci scusiamo per l’inconveniente, anche a nome dei parlamentari coinvolti.

, , , ,

Comunicati stampa

Conclusione percorso partecipato #adessoilfuturo

9 dic , 2015  

matteo-orfini

Appuntamento sabato 19 dicembre – hotel Phalesia, Piombino, dalle 9,30 alle 13,30 – con la giornata conclusiva di #adessoilfuturo, percorso partecipato lanciato dalla Federazione Pd Val di Cornia Elba a fine ottobre a San Vincenzo e proseguito in queste settimane attraverso le riunioni dei vari tavoli. A coordinare l’incontro ci sarà Ettore Rosalba, segretario Unione Comunale Piombino, mentre ad aprire i lavori con una relazione introduttiva sarà il segretario della Federazione Valerio Fabiani. A seguire gli interventi del sindaco di Piombino Massimo Giuliani, del consigliere regionale Gianni Anselmi e del sottosegretario dell’ambiente Silvia Velo. A concludere, il segretario del Pd Toscana Dario Parrini e il presidente nazionale del Partito Democratico Matteo Orfini.
#adessoilfuturo è il secondo percorso partecipato che la Federazione Pd Val di Cornia Elba organizza nel corso dell’anno 2015: nel primo caso per l’elaborazione di una serie di proposte in vista delle elezioni regionali, in questa occasione, invece, per una riflessione concentrata essenzialmente su temi locali, sviluppati attraverso gli ambiti della siderurgia, dell’agricoltura, sanità, sociale, turismo, infrastrutture, economia circolare. L’incontro di sabato 19 avrà anche il compito di investire gli amministratori delle responsabilità di concretizzare questa progettualità di cui anch’essi sono stati protagonisti insieme a tutto il partito.
«Il lavoro svolto in questi anni per evitare che la crisi conducesse il nostro territorio a un irrimediabile collasso – commenta il segretario Valerio Fabiani – ha creato i presupposti per l’apertura di una fase nuova. L’elaborazione di queste settimane ha messo in campo alcune idee sul modello di sviluppo e sul servizio sociosanitario attorno alle quali vogliamo riscrivere la storia di questa comunità. Noi siamo convinti che per uscire definitivamente dalla crisi serva un progetto: ed è su questo che crediamo sia necessario l’impegno di tutti».

, , , , ,

Il Partito

#ItaliaCoraggio

4 dic , 2015  

italiacoraggio-webcard-senza copy

Il Partito

Lettera di Matteo Renzi agli iscritti

4 dic , 2015  

Matteo-Renzi

Care democratiche, cari democratici,
sono giorni intensi per l’Italia e per il mondo.

L’attacco dei terroristi al cuore di Parigi e dell’Europa ha provocato un clima di dolore e di paura. Si è trattato infatti di un attentato alla quotidianità, ai valori della nostra vita di tutti i giorni.

Dopo il cordoglio, adesso, è il momento di reagire.
L’Italia ha intensificato i propri sforzi diplomatici, specie in Libia; militari, a cominciare dall’Afghanistan; di sicurezza nelle città, dopo l’ottimo risultato dell’Expo.

Abbiamo anche introdotto un principio che spero sia seguito anche da altri Paesi: per ogni euro investito in sicurezza e polizia, dobbiamo investire un euro in educazione e cultura. Perché l’Europa può vincere questa battaglia solo e soltanto se vince anche la sfida dei valori e dell’identità. E se pensiamo che l’unica strategia sia quella di chiudersi blindati in casa, significa che i terroristi hanno vinto. Dunque investire sulla scuola, sul teatro, sulle periferie deve essere almeno un pezzo della nostra reazione.

Ma sono giorni intensi anche a livello nazionale.
L’economia finalmente si rimette in moto.

Giusto qualche dato ufficale: a ottobre del 2014 la disoccupazione era al 13%, oggi è scesa all’11,5%. Ci sono più di trecentomila italiani in più al lavoro da quando il Governo ha imboccato la strada del JobsAct. I mutui crescono (i contratti stabili, finalmente!), la fiducia di consumatori e investitori è ai massimi da vent’anni a questa parte, dopo tre anni finalmente il PIL quest’anno sarà positivo e meglio delle previsioni di inizio anno.

Le cose finalmente iniziano a marciare.
Vogliamo fare di più. Ecco perché quest’anno in legge di stabilità ci sono molti provvedimenti interessanti: dall’abolizione delle tasse sulla prima casa fino alla prima misura organica di contrasto alla povertà. Dall’investimento sui ricercatori fino ai superammortamenti per le aziende. Dalle misure a sostegno dell’agricoltura fino agli interventi per Bagnoli, per Terra dei Fuochi, per l’Ilva, per le zone strategiche del Sud. Erano anni che non si vedeva una legge di stabilità così piena di buone notizie. E la notizia migliore di tutte secondo me è che il debito dal 2016 finalmente inizia a scendere: lo dobbiamo ai nostri figli, ai nostri nipoti.

Il PD si è caricato di una responsabilità enorme, all’inizio della legislatura. Sembrava tutto finito, il Paese nel caos e l’instabilità politica veniva considerata una delle cause più pericolose della recessione. Adesso che la musica è cambiata e dalla stagione delle chiacchiere siamo passati alle riforme, credo sia il momento di dare con forza un messaggio di speranza agli italiani.

Ecco perché sabato e domenica prossimi il PD organizzerà più di mille banchetti sparsi per l’Italia, con il desiderio di uscire fuori, in piazza, senza paura. Presenteremo le nostre proposte, ascolteremo i commenti e le critiche di chi non la pensa come noi, condivideremo idee e speranze.

Vi chiedo di mettervi in gioco.
So che non è facile e che magari piove o fa freddo, c’è il weekend, siete stanchi. Tutte ottime ragioni per non uscire di casa. Ma è il momento di dire tutti insieme: Italia, coraggio!

Noi, democratici, non abbiamo paura. Scegliamo di abbracciare il coraggio, scegliamo di abbracciare l’Italia.

Sabato e domenica torneremo nelle piazze, con tutto il nostro entusiasmo.
Sul sito www.partitodemocratico.it tutte le informazioni con i banchetti (volendo potete organizzarne uno anche voi, con i vostri amici e compagni). Sul sito www.unita.tv ci saranno due mattinate di una diretta dalle piazze di tutta Italia.

Ciao,
Matteo

PS: Ci sono molte polemiche per il fatto che abbiamo deciso di coinvolgere i diciottenni in un progetto educativo e culturale. Come risposta alla crisi di valori abbiamo pensato di offrire a chi diventa maggiorenne la possibilità per un anno di andare a teatro, alle mostre, nei musei, al cinema, agli spettacoli dal vivo utilizzando un bonus di 500 euro, lo stesso che abbiamo predisposto anche per i professori. A me sembra bello che chi diventa maggiorenne acquisti dei diritti, ma anche dei doveri. E il primo dovere è sapere chi siamo. La cultura, il teatro, la musica, il cinema, l’educazione sono elementi costitutivi dell’essere cittadini italiani. Aiutare i diciottenni a ricordare chi siamo mi sembra un dovere per un Governo, altro che mancia elettorale. Che ne pensate? Leggo volentieri le vostre considerazioni (su questo e su altro) all’indirizzo: matteo@partitodemocratico.it

, , ,

Comunicati stampa

Fabiani: “Aferpi, la battaglia non è finita”

4 dic , 2015  

valerio_manifestazione
Il segretario Valerio Fabiani dopo la manifestazione a sostegno dello sciopero dei metalmeccanici (Piombino, 2 dicembre 2015):
“Con la manifestazione di oggi si apre una fase nuova. Il tempo è scaduto, questa è la fase in cui dobbiamo dare gambe ai progetti. Tocca al nuovo management dell’azienda, al quale va certamente riconosciuta una maggiore chiarezza nell’approccio fin qui mostrato, passare rapidamente dalle parole ai fatti e recuperare i ritardi fin qui accumulati. Sono certo che Governo e Regione faranno la loro parte anche per evitare che le incertezze o una certa approssimazione con cui l’azienda ha gestito questa fase iniziale compromettano il lavoro straordinario che le istituzioni insieme alle parti sociali hanno svolto e che ci ha consentito di tornare a sperare. Ma ora non ci accontentiamo più di questo, vogliamo vedere partire le demolizioni, vogliamo più velocemente possibile tornare a colare acciaio e anche capire lo stato dell’arte degli altri due tasselli del progetto Cevital, il polo agroalimentare e quello logistico. Intanto serve il massimo impegno di tutti per mettere in sicurezza i lavoratori, intervenendo prioritariamente sui nodi irrisolti sul versante degli ammortizzatori sociali e del TFR, e anche per colmare definitamente il gap infrastrutturale del terriccio completando la 398 fino al porto e potenziando il collegamento ferroviario. Insomma, il fronte largo politico istituzionale e sociale grazie al quale siamo riusciti a ottenere le importanti conquiste di questi anni, comprese quelle che hanno consentito di trovare un acquirente per la ex Lucchini quando tutto sembrava perduto, c’è ancora ed è pronto a battersi con la stessa determinazione di prima. La battaglia non è finita, lo devono sapere tutti, noi stessi e l’azienda che sa bene di poter contare su interlocutori e su una realtà affidabile e responsabile, ma sempre con la schiena dritta e pronta anche a dare battaglia quando posta di fronte a scelte che non ci convincono”.

, , , , , ,

Senza categoria

Mobilitazione 5 e 6 dicembre

1 dic , 2015  

italiacoraggio-cover-sito+ copy

Due giorni di mobilitazione attraverso banchetti che saranno numerosi anche in Val di di Cornia e all’Elba. È l’iniziativa – che si terrà in tutta Italia sabato 5 e domenica 6 dicembre – a cui il Partito Democratico ha dato l’hashtag #italiacoraggio e che il vicepresidente Lorenzo Guerrini ha indicato come due giorni in cui il partito sarà chiamato a dialogare con gli italiani, raccogliendo idee e proposte, ma anche mostrando i risultati dell’azione di governo. Due giorni durante i quali, naturalmente, sarà possibile anche richiedere l’iscrizione al partito.

Questo il calendario per quanto riguarda il nostro territorio:

– a Piombino sabato 5 e domenica 6 dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19 piazza Gramsci, Coop e Conad;

– a Riotorto sabato 5 dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19 in via De Amicis

– a Venturina sabato 5 dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19 via Indipendenza zona blu;

– a Campiglia sabato 5 e domenica 6 dalle 10 alle 13 in piazza della Repubblica;

– a San Vincenzo sabato dalle 9 alle 12 piazza Giovanni XXIII;

– a Suvereto sabato e domenica dalle 15 alle 18 in viale Carducci;

– a Portoferraio venerdì 4 dalle 9 alle 12 e sabato 5 dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19 piazza Cavour;

– a Rio Elba sabato e domenica dalle 9 alle 12 presso Coop;

– a Marciana Marina sabato 5 dalle 9 alle 12 e dalle 16 alle 19 presso Conad.

, , , , , , , , , , , ,