Comunicati stampa

Contratti di solidarietà per tutti i lavoratori Aferpi dal 6 novembre

14 set , 2016  

66-ingresso-aferpi

Contratti di solidarietà per tutti i lavoratori che dal 6 novembre saranno in capo ad Aferpi. Dopo i 50 milioni per la ss398, la seconda buona notizia a giungere in questi giorni da Roma. «C’era bisogno di un segnale di fiducia ed è arrivato – conferma il segretario della Federazione Pd Val di Cornia Elba Valerio Fabiani – E a me pare che sia una buona notizia anche la scelta di affidare a un tavolo tecnico territoriale in cui siano coinvolti tanto l’azienda quanto il sindacato tutti gli approfondimenti necessari per la gestione di questo passaggio. Anche di questo parleremo il prossimo 19 settembre a Piombino con il viceministro Mise Teresa Bellanova che ha presieduto l’incontro». Il confronto tra azienda e sindacati per esaminate le modalità di applicabilità del contratto di solidarietà sul territorio partirà fin da subito.

, , , , , , , , , , , ,

Comunicati stampa

Impegno comune per Aferpi, energia, ammortizzatori e 398

6 nov , 2015  

IMG_5935

Livorno, davanti alla Prefettura. Pomeriggio di giovedì 5 novembre 2015. Partecipiamo alla manifestazione organizzata dalle categorie confederali dei chimici e dei metalmeccanici per chiedere un costo dell’energia più competitivo e il prolungamento degli ammortizzatori sociali.
«Siamo scesi in piazza oggi al fianco di Fim, Fiom e Uilm – spiega il segretario della Federazione Valerio Fabiani – a testimoniare il sostegno e l’attenzione dal parte del PD del territorio verso le richieste che il sindacato ha avanzato al governo. Siamo convinti anche noi che l’esigenza di allungare i tempi degli ammortizzatori sociali – insieme alla necessità di abbattere il costo dell’energia per consentire ad Aferpi, ma anche a Magona, Dalmine e a tutto il complesso delle aziende energivore presenti all’interno dell’area di crisi complessa di Piombino – sia un nodo cruciale che il Governo deve sciogliere. Alle parole importantissime del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti pronunciate in questo direzione ora devono seguire i fatti. Abbiamo tutti preso posizione, lo hanno fatto il sindaco di Piombino Massimo Giuliani, il presidente della Regione Enrico Rossi, il nostro consigliere regionale e presidente della commissione Sviluppo Gianni Anselmi e la stessa sottosegretaria all’ambiente Velo. Mi permetto di aggiungere un terzo nodo che solo il governo con il ministero delle Infrastrutture può sciogliere: la realizzazione della SS 398 fino al porto». Il governo centrale, la Regione e le istituzioni locali con Comune di Piombino e Autorità portuale in prima fila, aggiunge Fabiani, hanno già fatto molto facendo arrivare su Piombino oltre 300 milioni di euro, realizzando il nuovo porto e mettendo in campo incentivi per le imprese. «Tutto questo ha sbloccato la vertenza Lucchini con la nascita di Aferpi, ha scongiurato una catastrofe imminente e ha creato le premesse per l’arrivo di altri e nuovi investitori. Ora però dobbiamo fare l’ultimo miglio, quello più duro, ma anche quello risolutivo. Non possiamo mollare ora. Gli ultimi metri di questa faticosa maratona si faranno portando a compimento l’infrastrutturazione definitiva del porto – e in questo senso il lavoro procede a ritmi sostenuti – ma soprattutto collegandolo adeguatamente alla rete viaria e ferroviaria: per questo è fondamentale trovare le risorse per il prolungamento della 398. Si faccia dell’Autorità portuale la stazione appaltante, così da velocizzare i tempi, e si trovino le risorse che mancano. Ma è evidente che in quest’ultimo tratto di strada Aferpi ha un ruolo decisivo. Adesso servono segnali chiari e risposte concrete da parte dell’azienda. Non abbiamo motivo di dubitare che gli impegni che Rebrab ha assunto davanti alle istituzioni e ai sindacati verranno rispettati, ma ora è finito il tempo degli impegni verbali, per quanto importanti, ora servono tempi certi e atti tangibili, per rispetto delle istituzioni, e soprattutto dei lavoratori e delle imprese locali, delle loro difficoltà e delle loro speranze».

, , , , , , , , , ,