Comunicati stampa

A Piombino la Toscana che sarà

30 set , 2016  

toscanasara

Si svolgerà venerdì 7 ottobre, dalle 16.30 alle 19, presso l’Hotel Centrale, in piazza Verdi, l’appuntamento piombinese de “La Toscana che sarà 2016>2020”, ciclo di incontri dedicato al confronto sul nuovo programma regionale di sviluppo a cura del Pd e del gruppo consiliare della Regione. All’iniziativa saranno presenti il consigliere regionale Pd e presidente commissione sviluppo economico Gianni Anselmi e il segretario del Pd Val di Cornia Elba Valerio Fabiani, che nel contesto incontreranno i rappresentanti delle categorie economiche, dei sindacati, dell’associazionismo e degli enti locali.

«Si tratta di illustrare il programma regionale di sviluppo e di interagire con la società toscana nelle sue articolazioni organizzate – spiega il consigliere Anselmi – nelle sue ambizioni, nel disagio che porzioni della nostra regione, strati della nostra società soffrono. Chiederemo dei contributi scritti, di respiro settoriale, oltre che di carattere regionale. In questo modo noi vogliamo abbinare una visione complessiva della Toscana con le nervature locali dei profili di sviluppo che notoriamente in questa regione sono molto legati alla morfologia sociale, territoriale, e vorremmo farlo attraverso una relazione e uno scambio con la società organizzata, mondo della cultura, dell’impresa, del lavoro.

«Siamo chiamati – aggiunge Fabiani – a ridisegnare la Toscana dei prossimi anni, e il nostro territorio con il Pd e i suoi amministratori e forti di un’elaborazione avanzata, frutto di percorsi di partecipazione e di lavoro quotidiano, sarà in prima linea per dare un contributo originale, sia nei contenuti sia sul metodo. Infatti lo faremo usando il metodo con cui siamo abituati a lavorare qui, in sinergia con tutti i soggetti che rappresentano la società, l’economia, il lavoro».

, , , , , , , ,

Comunicati stampa

Nasce il circolo Pd delle fabbriche siderurgiche di Piombino

23 mar , 2016  

Piombino-ai-lavoratori-della-Lucchini-il-sostegno-del-Papa_articleimage

Si terrà domani (ndr. oggi 23 marzo 2016) l’assemblea costitutiva del nuovo Circolo PD delle fabbriche siderurgiche di Piombino.

“Il Pd torna in fabbrica. Ci siamo sempre stati certo, ma da domani ci saremo con una presenza più organizzata, attraverso un vero e proprio circolo del partito. Si tratta di un risultato importante, frutto del lavoro di un gruppo di operai del PD che ringrazio e che da qualche mese si ritrova per discutere della situazione attuale, di crisi e opportunità che attraversano l’intero complesso del polo siderurgico di Piombino, Aferpi ed ex Lucchini, Magona, Dalmine e imprese dell’indotto. Rafforziamo le nostre radici in un luogo simbolo della storia della città e dell’industria italiana ma che vuole essere anche simbolo del futuro, di un’Italia e di un territorio che vogliono ripartire” commenta il segretario territoriale del PD Val di Cornia Elba Valerio Fabiani.

“Ogni nuovo circolo che nasce nella nostra regione è una bella notizia. Il fatto che sia in un distretto del lavoro la rende ancora più significativa. Questo è il Pd che vogliamo, radicato in tutti i luoghi dove le decisioni politiche hanno i loro effetti. Sono davvero contento che da domani i nostri iscritti che lavorano nelle fabbriche avranno istituzionalizzato un luogo politico in cui parlare e discutere di temi che toccano con mano ogni giorno e sui quali nessuno meglio di loro potrà indirizzarci” commenta il vicesegretario e organizzatore del Pd toscano Antonio Mazzeo.

L’assemblea costitutiva si terrà domani alle 21 nei locali della federazione del Partito Democratico di Piombino in via Marco Polo.

(dal sito di Pd Toscana)

, , , , , , , , , , ,

Comunicati stampa

Approvata la legge regionale sulla nuova governance in materia di turismo

16 mar , 2016  

baratti10

Il Consiglio regionale della Toscana ha approvato – ieri, martedì 15 marzo – la nuova legge per il riordino delle funzioni delle ex Province in materia di turismo. Col nuovo provvedimento le funzioni che fino a oggi erano demandate al comune capoluogo di provincia passano ai comuni, che le eserciteranno in forma associata all’interno di uno o più ambiti confinanti. L’atto è stato illustrato in aula dal presidente della commissione Sviluppo Gianni Anselmi. «Grazie al lavoro del gruppo Pd in Regione – commenta il segretario della Federazione Pd Val di Cornia Elba Valerio Fabiani – si apre finalmente in Toscana una nuova opportunità che i territori dovranno essere capaci di cogliere. Per l’Elba questo significa riuscire ad archiviare definitivamente le divisioni di queste ultime settimane e iniziare a discutere seriamente su come aprire un nuovo capitolo nella storia della funzione associata. In parallelo, per la Val di Cornia si tratta di un’occasione imperdibile, come penso che lo sia per tutti i territori di queste terre che furono etrusche, di questa “Toscana di mezzo” a cavallo fra le due vecchie province (che con un bel Sì alla riforma costituzionale nel referendum del prossimo autunno ci preoccuperemo di far scomparire definitivamente)». Per la prima volta, aggiunge Fabiani, ci troviamo di fronte a una legge che interpreta come cancellati i confini delle province, una legge che rende concreta – attraverso integrazioni – la possibilità di far sparire anche i confini degli ambiti che oggi separano territori vicini e omogenei. «Una legge che attraverso queste caratteristiche si pone come una straordinaria opportunità per realizzare il nostro progetto di unire i territori più piccoli e periferici della Toscana costiera, consentendo loro di sprigionare finalmente potenzialità mai esplorate e valorizzando le peculiarità di ciascuno. Un obiettivo che è già i percorso partecipato della Federazione aveva indicato». La Val di Cornia, la Val di Cecina, le Colline Metallifere, il mare, la costa, le colline, i borghi, l’agricoltura, l’industria, la portualità e il turismo come eccellenze e numeri capaci, aggiunge Fabiani, di farci fare quel salto di qualità che «da soli e divisi non potremo mai neppure immaginare». Necessario sarà anche porsi il problema di come la “terra ferma” dialogherà con l’Elba e l’Arcipelago: «Queste nostre piccole comunità non sono figlie di un dio minore – specifica il segretario della Federazione – e se sapranno stare insieme saranno davvero protagoniste del proprio destino e potranno dare il loro reale contributo per far tornare a crescere l’intera costa toscana. Lo diciamo da tempo e finalmente si cominciano a vedere segni di cambiamenti che confortano questa nostra idea. La risposta alla crisi non è nell’edificare nuovi confini – che talvolta diventano anche muri – ma è nel costruire ponti, sinergie e alleanze, mettendo insieme le migliori energie. Oltre i muri, oltre i confini, c’è il futuro e da oggi è più vicino».

, , , , , , , , ,

Comunicati stampa,Iniziative e feste

Riforma della costituzione e assetti istituzionali locali nell’incontro a Salivoli

7 mar , 2016  

12670371_936804319722635_2943623974413747893_n

Si è tenuta venerdì 4 marzo la giornata di lavoro organizzata dalla Federazione Pd Val di Cornia Elba sulla riforma della Costituzione e degli assetti istituzionali locali. La giornata, articolata in due parti – la prima dal taglio più seminariale e la seconda più politica – è stata la prima occasione di approfondimento rispetto a temi importanti che hanno a che fare con la democrazia. Nel pomeriggio i relatori, rispondendo anche alle domande dei partecipanti, hanno illustrato – in vista del referendum del prossimo autunno – i contenuti della riforma della Costituzione, e, a seguire, le sue implicazioni sugli enti locali, anche alla luce delle nuove opportunità per i comuni contenute nelle nuove norme a sostegno dei processi sia di unione di comuni sia di fusione fra comuni. Alle domande del pubblico, che numeroso ha affollato la sala convegni di Marina di Salivoli, hanno risposto il segretario regionale Pd Dario Parrini e il sottosegretario all’ambiente e deputato del territorio Silvia Velo che si sono concentrati sulla riforma costituzionale, Gianni Anselmi, che ha spiegato l’angolazione regionale e in particolare il lavoro che il Consiglio regionale sta facendo per ridisegnare la Toscana dopo l’abolizione delle province, e, dopo di loro, Silvia Bolgherini, ricercatrice dell’Università di Napoli ed esperta di governi locali, che ha tracciato un quadro aggiornato delle unioni di comuni, cioè degli strumenti che consentono ai comuni, pur mantenendo la propria autonomia, di cooperare fra di loro, accorpando uffici e funzioni. Infine Sabrina Iommi dell’Irpet ha spiegato i dati economici e sociali a sostegno di questi processi di semplificazione istituzionale e Riccardo Nocentini della segreteria regionale Pd, esperto di fusioni, ha illustrato invece tutte le opportunità politiche e finanziarie per i comuni che decidono di fondersi fra di loro. Alla luce di queste informazioni, nella seconda parte della giornata, alle 21, si è svolta una tavola rotonda fra i sindaci e i rappresentanti Pd della Val di Cornia e dei territori limitrofi coordinata dal giornalista Guido Fiorini de Il Tirreno. Durante il confronto i sindaci della Val di Cornia, incalzati dalle domande di Fiorini, hanno spiegato lo stato dell’arte e in particolare il lavoro fin qui svolto e propedeutico alla nascita dell’Unione di comuni, votata in tutti in Consigli comunali del territorio, in particolare il rinnovo dell’ufficio di piano per quanto riguarda il governo del territorio, il progetto per il servizio socio sanitario che, com’è noto, si propone di integrare diversi ambiti territoriali a partire da Val di Cornia e Bassa Val di Cecina, e la funzione associata al turismo con il nuovo ruolo della Parchi Val di Cornia. Erano presenti anche il sindaco di Massa Marittima e il segretario del Pd di Follonica in rappresentanza delle Colline Metallifere, che hanno parlato dell’interesse del loro territorio a collaborare con la Val di Cornia e dei rapporti che fra questi ambiti si sono intensificati proprio in questi mesi in cui si parla di sanità, senza nascondere le difficoltà a superare un confine che ancora permane fra le due diverse aziende sanitarie. C’era anche Lorenzo Lambardi per l’Elba che ha rilanciato la sua proposta, tre comuni di versante e una Unione di comuni dell’Elba, per provare a superare le divisioni che anche in questi giorni si sono riproposte prepotentemente.
In definitiva, in un contesto in trasformazione, arriva la proposta del Pd Val di Cornia Elba delineata anche dal segretario Valerio Fabiani: dopo il lavoro di questi mesi, i tempi sono maturi per andare alla costituzione dell’Unione di comuni, partendo dai comuni della Val di Cornia, ma con l’ambizione di coinvolgere anche i comuni di tutto il territorio che ci proponiamo di unificare, dalla Val di Cecina alle Colline Metallifere passando per la Val di Cornia. La prospettiva è quella di collocare all’interno di questo nuovo ambito territoriale tutte le politiche strategiche di area, dai servizi ai grandi temi dello sviluppo. Uniti i territori e dotati di strumenti comuni di governo, si intende poi rilanciare le fusioni, in maniera nuova, facendo tesoro degli errori del passato e sollecitando processi che partano dal basso, scommettendo sul protagonismo delle comunità. Anche per questo il Pd ha annunciato a partire dalle prossime settimane un nuovo percorso di partecipazione, questa volta dedicato alle istituzioni e alla necessità di modernizzarle.

, , , , , , , , , , , , , , , , ,

Comunicati stampa

“Le ragioni del cambiamento”, incontro a Piombino il 4 marzo

1 mar , 2016  

12776772_10205589781399280_1372239949_o

La riforma costituzionale – abolizione del bicameralismo perfetto, superamento delle province – ma anche la riorganizzazione dei comuni. Sono questi i temi principali che verranno affrontati ne “Le ragioni del cambiamento”, un’iniziativa che la Federazione Pd Val di Cornia Elba ha organizzato per venerdì 4 marzo, presso la sala convegni del porticciolo di Marina di Salivoli. L’incontro si articola in due diversi momenti: il primo – di approccio seminariale – si svolgerà nel pomeriggio, dalle 17 in poi, e sarà dedicato in maniera più esplicita all’approfondimento sui temi trattati, con la possibilità per i partecipanti di rivolgere ai relatori domande anche di tipo tecnico, anche per quanto riguarda la riforma costituzionale oggetto del referendum che si terrà nel prossimo autunno. Interverranno Silvia Velo, sottosegretario ambiente, che illustrerà la riforma costituzionale, così come Dario Parrini, segretario Pd Toscana, che spiegherà anche le sue implicazioni sugli assetti istituzionali locali. Accanto a loro Gianni Anselmi, presidente commissione sviluppo Consiglio regionale, che interverrà sui nuovi ambiti territoriali della Toscana, Sabrina Iommi di Irpet, per l’analisi di dati economici e sociali, Riccardo Nocentini, Pd Toscana, autore del libro “Fare il sindaco. Management del governo locale”, che parlerà delle fusioni dei comuni, e Silvia Bolgherini, ricercatrice di scienze politiche presso l’università di Napoli e autrice del libro “Navigando a vista. Governi locali in Europa tra crisi e riforme”, che interverrà sulle unioni di comuni. L’incontro sarà introdotto da Claudio Cerrini e coordinato da Giorgio Pasquinucci, segreteria Federazione Pd Val di Cornia Elba.
La seconda parte dell’iniziativa – di taglio più politico, con le proposte per il territorio relativamente a questi temi – è prevista invece per le 21 (dopo la pausa cena buffet, fissata per le 20): una tavola rotonda con i sindaci di Val di Cornia, Elba, Val di Cecina e Colline Metallifere. Introduce il segretario della Federazione Valerio Fabiani, coordina il giornalista de “Il Tirreno” Guido Fiorini.

, , , , , , , , , , , , ,

Comunicati stampa

Val di Cornia, costa e futuro

9 feb , 2016  

fotocosta

“La Val di Cornia nel futuro della costa toscana”. È questo il titolo dell’appuntamento in programma per venerdì 12 febbraio, ore 17.30, a Venturina Terme, presso la saletta comunale Giorgio La Pira (via della Fiera 3). All’incontro – organizzato dal Pd Toscana e dalla Federazione Val di Cornia Elba – saranno presenti il segretario della Federazione Valerio Fabiani, Antonio Mazzeo (presidente commissione rilancio della costa Regione Toscana), Gianni Anselmi (presidente commissione 2 Regione Toscana) e il consigliere regionale Francesco Gazzetti. L’iniziativa conclude una giornata che la commissione costa dedica al nostro territorio, e al tempo stesso apre un tour di appuntamenti – per tutta la regione – dedicato alla ripresa economico-sociale della Toscana costiera. «La scelta di partire da Piombino – spiega Mazzeo – non è casuale, essendo uno di quei luoghi che più hanno subito le conseguenze della crisi economica e che si trova ora al centro di uno degli accordi di programma tra Governo e Regione».

, , , , , , , , , , ,