Comunicati stampa

Fabiani: “M5S e Parodi rispettino verità”

7 dic , 2016  

maggio12

Il segretario della Federazione Pd Val di Cornia Elba Valerio Fabiani giudica «sorprendenti» le affermazioni di Movimento 5 Stelle Piombino e del sindaco di Suvereto Giuliano Parodi all’indomani del referendum costituzionale che ha visto l’affermazione del Sì in tutti i Comuni della Val di Cornia. «Di fronte a un risultato locale evidentemente a loro non gradito – afferma Fabiani – da un lato ci dicono che avrebbe vinto il “forse”, dall’altro ci si affretta a smarcarsi dall’esito dopo pure essersi impegnati strenuamente a sostegno della campagna per il No come sindaco e amministrazione».

Il Movimento 5 Stelle, spiega il segretario Pd Val di Cornia, «parla di esigenza di rispetto del voto popolare riferendosi all’esito nazionale del referendum costituzionale. Ma quando si esprime a proposito del voto dei cittadini piombinesi, sostenendo che abbia vinto il “forse”, manca di rispetto innanzitutto, considerata l’alta affluenza, alla scelta di un gran numero di cittadini di recarsi a votare, e poi, entrando nel merito, tanto alla maggioranza che ha votato sì, tanto a chi ha votato no».

Quanto all’affermazione che quest’area e la regione siano governati “male” ininterrottamente da settant’anni, aggiunge Fabiani «pensare che i problemi gravi che attraversano il territorio siano problemi da risolversi nella dimensione locale significa non comprendere la crisi di questi anni e quindi anche dimostrare di essere inadeguati a governare. Certo però noi noi ci saremmo aspettati una difesa della storia di governo della sinistra in questi territori da chi in queste ore a livello nazionale discute se e come allearsi con Lega e Forza Italia».

In merito a Parodi, sostiene Fabiani, «ha scelto legittimamente di essere protagonista della campagna per il No nel suo Comune e in tutta la Val di Cornia, pur talvolta piegando impropriamente il suo ruolo istituzionale a un interesse di parte – come in occasione dell’iniziativa sul referendum organizzata dal Comune, con l’esclusivo monologo del sindaco. Altrettanto legittimo però è suggerire al sindaco e alla sua giunta una meno superficiale riflessione».

Nonostante l’affermazione del Sì nel nostro territorio, conclude Fabiani «noi non solo rispettiamo chi ha votato diversamente, ma cerchiamo di capirne le ragioni. Parodi e M5S facciano altrettanto, cominciando col rispettare la verità».

, , , , , , , , , ,

Il Partito,Iniziative e feste

Matteo Renzi a Piombino

20 nov , 2016  

15073477_10207497373687895_8822028936474561120_n

Il segretario della Federazione Pd Val di Cornia Elba Valerio Fabiani comunica che martedì 22 novembre, alle 13.30, il segretario del Partito Democratico e Presidente del Consiglio Matteo Renzi sarà a Piombino – location ancora da definirsi, ma che sarà annunciata nelle prossime ore.

#bastaunsì

, , , , , , ,

Iniziative e feste

Assemblee dei circoli

10 nov , 2016  

bandierePd

Il Pd della Val di Cornia incontra i suoi iscritti e simpatizzanti in una serie di assemblee per fare il punto sulla situazione politica verso il referendum del prossimo 4 dicembre. Tre sono gli incontri in programma: si inizia sabato 12 novembre, alle 15.30, con il circolo Cotone-Campagna, presso la rispettiva sede del Cotone. Saranno presenti il segretario dell’Unione Comunale Ettore Rosalba, il segretario della Federazione PD Val di Cornia Elba Valerio Fabiani, il sindaco di Piombino Massimo Giuliani, il consigliere regionale Gianni Anselmi e il sottosegretario al ministero dell’ambiente Silvia Velo. La seconda assemblea avrà luogo invece lunedì 14 novembre, alle ore 21, presso il circolo Berlinguer di via XX Settembre 12, e sarà rivolta a iscritti e simpatizzanti dei circoli Berlinguer e II Giugno. Partecipano il segretario del circolo Berlinguer Rosetta Fedi, Ettore Rosalba, Valerio Fabiani, Massimo Giuliani e Silvia Velo. Ultimo incontro – dedicato ai circoli Amendola e ancora II Giugno – il giorno successivo, martedì 15 novembre, presso il circolo G. Amendola, lungomare Marconi 113/115. Saranno presenti il segretario del circolo G. Amendola Sauro Amerighi, Ettore Rosalba, Valerio Fabiani, il sindaco Giuliani e l’assessora all’urbanistica del Comune di Piombino Carla Maestrini.

, , , , , , , , , , , ,

Senza categoria

Maria Elena Boschi a Piombino il 2 giugno

30 mag , 2016  

maria-elena-boschi-mozione-di-sfiducia

Carissima, Carissimo,

come saprai il prossimo ottobre saremo tutti chiamati a esprimerci sulla riforma della seconda parte della Costituzione attraverso il referendum confermativo. Si tratta di un passaggio fondamentale per il futuro del Paese. La storica occasione per superare molte criticità dell’attuale assetto istituzionale e che hanno contribuito ad allontanare la politica e le istituzioni dai cittadini. Nel corso della storia repubblicana molti sono stati i tentativi di riformare la seconda parte della nostra carta costituzionale e molti i richiami. Fra i più celebri, il discorso che Nilde Iotti scelse di pronunciare in una delle sue prime uscite pubbliche da presidente della Camera, proprio a Piombino in occasione della consegna della medaglia d’argento al valor militare per la Resistenza nel 1979 (che nel 2000 sarebbe diventata medaglia d’oro).

Basta con questo assurdo bicameralismo perfetto unico nel mondo e causa di ritardi. Basta con mille parlamentari, quanti ne ha la Cina, ma loro sono un miliardo e trecento milioni. Più penetranti poteri di controllo del Parlamento. Federalismo istituzionalizzato, trasformando il Senato in Camera delle regioni e dei poteri locali: perché il Senato non potrebbe essere come il Bundesrat tedesco?.

Affrontare quelle parti della Costituzione che il tempo e l’esperienza hanno dimostrato inadeguate (…) Tutelare in primo luogo i diritti delle minoranze ma anche il diritto-dovere della maggioranza, qualunque essa sia, di legiferare.”

Questi sono solo alcuni degli appunti che Nilde Iotti preparò in vista di quel discorso. Per questo la Toscana ha scelto di partire da Piombino. Sono perciò lieto di invitarti all’evento che abbiamo organizzato a Piombino il prossimo giovedì 2 giugno presso il Teatro Metropolitan alle 16,30. Sarà l’occasione in cui lanceremo la campagna referendaria in Toscana e con noi saranno presenti il ministro per le riforme Maria Elena Boschi, lo storico portavoce di Nilde Iotti Giorgio Frasca Polara, Enzo Polidori nel ’79 sindaco di Piombino, il costituzionalista e portavoce dei comitati per il Sì toscani Stefano Ceccanti e il segretario del Pd toscano Dario Parrini.

Con la riforma costituzionale, superiamo il bicameralismo paritario rendendo più semplice e più rapida l’approvazione delle leggi, evitando l’infinito “ping pong” fra Camera e Senato che crea ritardi e inefficienze. Riduciamo il numero dei parlamentari, spariscono 315 senatori che saranno sostituiti da 100 rappresentanti dei territori, comunque indicati dai cittadini alle elezioni regionali, senza indennità aggiuntive. Aboliamo definitivamente le province e enti ormai inutili come il Cnel. Riduciamo gli stipendi dei consiglieri regionali e togliamo il finanziamento pubblico ai gruppi consiliari. Finisce la legislazione concorrente fra Stato e Regioni, causa di conflitti istituzionali e di incertezza legislativa. Promuoviamo la presenza di donne nelle assemblee elettive, e incoraggiamo la partecipazione dal basso, abbassando il quorum per i referendum, introducendo i referendum propositivi e stabilendo tempi per esaminare ogni legge di iniziativa popolare.

Per questi motivi sono a rinnovarti l’invito a partecipare a questo incontro del 2 giugno e a dare il tuo contributo a cambiare l’Italia.

Valerio Fabiani

, , , , , , , , , ,